Progetto corpo-mente in divenire

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

IL PUNTO DI PARTENZA: LE DIFFICOLTÀ A SCUOLA

 

Il motivo principale per cui in genere si chiede una valutazione degli apprendimenti è una difficoltà a scuola; le situazioni che possono presentarsi sono molto diverse fra loro.

Ad esempio il bambino/ragazzo:

 

  • fatica a leggere e/o scrivere correttamente o a fare calcoli (es. non memorizza le tabelline);
  • legge correttamente, ma ha difficoltà a comprendere il contenuto;
  • pur avendo studiato, è in difficoltà quando deve esprimere i concetti;
  • passa molto tempo a studiare, ma sembra non trattenere nulla di quello che studia;
  • ha buone buone capacità, ma fatica a mantenere l'attenzione che condiziona il risultato delle prestazioni oppure è estremamente lento.

 

PERCHÉ FARE UNA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA?

 

Lo scopo della valutazione neuropsicologica completa è quello di dare una risposta alle difficoltà del bambino/ragazzo.

Una difficoltà scolastica può essere causata da un Disturbo Specifico dell'Apprendimento (DSA).

Esistono quattro tipologia di DSA:

 

  • DISLESSIA: difficoltà di lettura (che può essere lenta e/o scorretta);
  • DISORTOGRAFIA: difficoltà che interessa la componente ortografica della scrittura (doppie, inversione di lettere, suoni difficili, ...)
  • DISGRAFIA : riguarda la componete grafo-motoria della scrittura (es. grafia difficilmente leggibile)
  • DISCALCULIA: difficoltà nei calcoli, nelle procedure delle operazioni, nella memorizzazione delle tabelline,

In questo caso, la conclusione della valutazione è la diagnosi.

 

Esistono però altre situazioni che non rientrano nei DSA, ma che compromettono ugualmente i risultati: la valutazione ha l'obiettivo di far emergere, non solo le fragilità (memoria, attenzione, linguaggio), ma anche di evidenziare quali sono i punti di forza su cui far leva per un eventuale percorso di trattamento o per dare indicazioni a scuola su come intervenire per permettere al ragazzo/bambino di avere successo.

La valutazione serve, quindi, a evidenziare punti di debolezza (su cui lavorare) e punti di forza (su cui fare leva) del bambino/ragazzo.

 

COME SI SVOLGE UNA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA?

 

Il percorso di valutazione si svolge in circa 4 giornate, seguendo queste tappe:

 

  1. Incontro informativo (gratuito): è il momento in cui i genitori riferiscono le motivazioni che hanno portato alla richiesta di una valutazione.
  2. Colloquio anamnestico (in genere subito successivo al primo incontro) : è il momento in cui vengono raccolte tutte le informazioni sulla storia clinica del paziente
  3. Valutazione e inquadramento diagnostico: la valutazione si svolge in 3-4 incontri con lo psicologo che indagherà inizialmente gli aspetti relativi alle capacità cognitive, all’attenzione e alla memoria; successivamente si procede con la valutazione degli aspetti relativi agli apprendimenti (lettura, comprensione, scrittura, calcolo).
  4. Stesura della relazione e colloquio di restituzione: al termine, si concorderà un incontro finale in cui il professionista illustrerà  quanto emerso dalla valutazione e consegnerà la relazione con i risultati dei test, le interpretazioni cliniche, l’eventuale diagnosi e le proposte per gli insegnanti.

 

L’eventuale diagnosi di DSA emessa al termine della valutazione è accettata in Emilia-Romagna al pari di una diagnosi proveniente dal Servizio Sanitario Nazionale.

 

COSA SI PUÒ FARE DOPO LA VALUTAZIONE?

 

In base a quanto emerso dalla valutazione, possono essere attuati diversi percorsi:

 

  • in caso di DSA la scuola dovrà produrre un documento chiamato Piano Didattico Personalizzato (PDP) in cui sono indicati gli strumenti compensativi e le misure dispensative previsti dalla Legge 170/10;
  • in caso di difficoltà di altro tipo, ad esempio di attenzione, di memoria o di linguaggio, la scuola ha la facoltà di predisporre un piano didattico personalizzato in virtù della circolare ministeriale sui BES (Bisogni Educativi Speciali).

 

Si potranno, infine, prevedere degli incontri per migliorare aspetti relativi agli apprendimenti (lettura, scrittura e calcolo) o percorsi di neuropsicologia per potenziare le capacità di attenzione e di memorizzazione.

 

 

Per appuntamenti e informazioni: tel. 340 5639505 - email:  paolasavazzi90@gmail.com